Runners Club Ticino

Grazie di cuore per il sostegno al nostro gruppo ed alle nostre iniziative nella natura!

L’obiettivo del Road Runner’s Club Ticino è sempre stato quello di promuovere la propria attività 1978-2022
Quando il podismo diventa passione

Ci sono mille modi per apprezzare ciò che giornalmente viene offerto ai nostri occhi, ma la fretta … incredibilmente ci acceca. L’esempio è venuto da Gian Claudio Lanini, classe 1947, residente a Quartino.


Tutto ha inizio nel lontano 1974 quando ha dato sfogo alla sua passione – il podismo – ma non guardando dalla finestra.


Fu l’ideatore della prima edizione della Camminata Locarnese, una gara popolare di 14 km in mezzo la natura lungo la golèna del fiume Maggia, con partenza dall’Isolino di Locarno. 452 gli iscritti che affrontavano questa camminata solo per una medaglia con grande entusiasmo. Degna di nota la presenza di un Gruppo da Veduggio (Milano), giunto con due autobus.
Fu quella la miccia che indusse a fondare la Società Podistica Locarnese, un movimento che contribuì a promuovere le competizioni podistiche nel Cantone”.


Nel 1978, lascia la Società, investendo tempo ed energia a sostenere un Gruppo emergente di podisti rivolti alle gare e ad un allenamento più programmato. Da questo momento ha inizio l’attività vera e propria, le gare popolari diventarono sempre più attrattive e stuzzicanti….


Pur non allontanandosi dal principio ‘l’importante è partecipare’ e inspirato ai famosi Road Runner’S Clubs di New York e Milano, fu fondato il Runner’S Club Ticino per dare la possibilità ai più allenati di misurare la loro bravura in competizioni importanti. La presenza alle gare era voluta in specialmodo, per promuovere la corsa in montagna.


Grazie ai migliori del Gruppo, i risultati giunsero a cascata in particolare da Stefano Solèr (vincitore a più riprese della Coppa Internazionale Montagne Europee / CIME), e allo juniores d’un tempo Marco Gazzo- la. In periodi più recenti abbiamo registrato altri successi con Silvia Schweizer, Michael Gisler, Bruno, Hanspeter e Josef Näpflin, Colombo Tramonti , Kaspar Scheiber, Andrea Marti e René Dumas, che con le loro prestazioni hanno contribuito alla crescita del movimento podistico” cantonale.


Oltre trent’anni al passo di corsa… è il caso di dire.


“Al passo di corsa sì, ma su un palcoscenico straordinario che ha consentito a centinaia di concorrenti di muoversi a loro agio senza l’assillo del ‘risultato ad “ogni costo” e di conoscere siti dal fascino incom- parabile. E in quei luoghi vincitori e vinti sono un tutt’uno, perché quella era ed è tutt’ora la regola che consente di identificarsi come movimento attivo. Quanti ricordi….


“A volte i ricordi ti spronano a riprendere quota… come nel caso di Lanini, che dopo un trentennio d’ininterrotta attività alla quale ha fatto seguito una breve pausa gli ha consentito di ritrovare altri stimoli. Ripensando a certi eventi del passato, come la riscoperta della Rivera-Monte Tamaro, l’organizzazione dei campionati svizzeri a Brè sopra Locarno e decine di altre manifestazioni pedestri.


Poi gli occhi si sono incollati qualche anno fa sulle pendici della Riviera gambarognese”e la febbre è salita per l’ultima volta…“stimolato dalla fitta rete di sentieri del Gambarogno, organizzando la corsa in salita Dirinella-Cento Campi. Dal buon esito riscontrato è stata riproposta il 31 agosto 2008, allungando però il percorso sino all’Alpetto di Caviano (lunghezza 4’600 m con 1’020 m di dislivello). La gara è stata affiancata da una marcia popolare, pure in partenza da Dirinella, che ha consentito a tutti di passare momenti d’intensa distensione tra i profumi antichi di una vetrina dal fascino straordinario”.


Da cornice all’avvenimento sportivo, una dozzina di artisti pittori dell’Associazione artisti scultori e pittori ticinesi (ASPT) che hanno dipinto le loro tele fra le viuzze del paese di Caviano, luogo d’incontro per la gustosa maccheronata e le premiazioni delle gare.


Questa era l’ultima attività ufficiale di Gruppo non avendo nuove risorse umane e anche per la rinuncia di alcuni membri di proseguire la competizione dovuti all’età e impegni famigliari.


Nel 2022 è uscita la 45.ma edizione con 100 gare e trails nel Calendario di tutte le corse in montagna di Svizzera, una Guida contenente oltre un centinaio di corse disparati in ogni angolo del territorio elvetico.


GianClaudio Lanini